Istanze disponibili all’interno dello sportello

Pagamento di diritti, oneri ed imposta di bollo

Elenco degli allegati e moduli compilabili

Elenco degli interventi disponibili nello sportello

Schede G1 e G2 (recupero di rifiuti) - relazione tecnica

I moduli telematici possono essere compilati solo dagli utenti che accedono con CNS.
Descrizione: 

Relazione tecnica timbrata e firmata da tecnico abilitato dell’attività di recupero e descrizione dello stabilimento. La relazione, firmata da tecnico competente, deve fornire gli elementi previsti dai Decreto Ministeriale 05/02/1998 e dal Decreto Ministeriale 12/06/2002, n. 161 ed in particolare è finalizzata a:

  • verificare la compatibilità ambientale dell’impianto sede delle attività di recupero in relazione ai criteri localizzativi stabiliti dalla pianificazione regionale e provinciale in materia di gestione rifiuti, ai sensi dall'articolo 196, comma 1, lettera n) e lettera o) e dell'articolo 197, comma 1, con particolare riferimento a:
  • richiamare eventuali autorizzazioni o pareri previsti dalle sopra richiamate norme.

  • descrivere come avvengono nella pratica le operazioni di recupero, con indicazione degli impianti (e relativa potenzialità) e delle attrezzature utilizzate per la movimentazione e il trattamento con particolare riferimento alle condizioni di accettazione dei rifiuti in ingresso
  • descrivere le caratteristiche delle aree di conferimento, di messa in riserva (R13) e di deposito dei prodotti ottenuti dal recupero e delle aree dove vengono svolte le operazioni di recupero
  • definire le procedure o la cautele atte ad individuare ed a rispondere a potenziali incidenti e situazioni di emergenza (ad esempio sversamenti) nonché a prevenire ed attenuare l’impatto ambientale che ne può conseguire (piano di emergenza)
  • descrivere le caratteristiche tecniche dei sistemi di raccolta, di trattamento e di smaltimento delle acque reflue e delle acque meteoriche e di dilavamento di tutto l’insediamento, con relativo punto di scarico (fognatura, corpo idrico superficiale, ecc.) - nel caso le informazioni non siano già contenute nella Scheda A "scarichi" di faccia riferimento alla stessa
  • illustrare le caratteristiche delle emissioni previste e le soluzioni tecniche adottate al fine di contenerle; - nel caso le informazioni siano già contenute nella Scheda C o D "emissioni in atmosfera" di faccia riferimento alle stesse
  • nel caso di impianti esistenti, facendo riferimento alla precedente comunicazione, si evidenzino tutte le modifiche apportate all’attività e/o all’impianto ai fini dell’adeguamento alle normative intervenute dopo la comunicazione (Decreto Ministeriale 05/04/2006, n. 186, articolo 6 del Decreto Legislativo 24/07/2003, n. 209, articolo 8 del Decreto Legislativo 26/03/2001, n. 151, ecc.). In presenza di tali adeguamenti la Relazione Tecnica dovrà:
    • descrivere puntualmente le modifiche apportate
    • indicare le autorizzazioni acquisite per la loro concreta realizzazione
N.B. Per gli impianti che effettuano le operazioni di stoccaggio e trattamento rifiuti RAEE il progetto deve essere conforme a quanto disposto dal Decreto Legislativo 25/07/2005, n. 151 Allegati n. 2 e 3. Per gli impianti che effettuano le operazioni di stoccaggio e trattamento rifiuti CER 160106 “veicoli fuori uso” il progetto deve essere conforme a quanto disposto dal Decreto Legislativo 24/07/2003, n. 209

Se non sai come predisporre la documentazione richiesta puoi consultare una guida veloce.



Comune di Pizzale