Istanze disponibili all’interno dello sportello

Pagamento di diritti, oneri ed imposta di bollo

Elenco degli allegati e moduli compilabili

Elenco degli interventi disponibili nello sportello

Valutazione di incidenza (VINCA)

Descrizione dell'attività
Cos'è: 

Valutazione di incidenza (VINCA)

La valutazione d'incidenza è il procedimento di carattere preventivo al quale è necessario sottoporre qualsiasi piano, programma o progetto che possa avere incidenze significative su un sito o proposto sito della rete Natura 2000, singolarmente o congiuntamente ad altri piani e progetti e tenuto conto degli obiettivi di conservazione del sito stesso.

Questa procedura è stata introdotta con lo scopo di salvaguardare l'integrità dei siti attraverso l'esame delle interferenze di piani e progetti non direttamente connessi alla conservazione degli habitat e delle specie per cui essi sono stati individuati, ma in grado di condizionarne l'equilibrio ambientale (Decreto del Presidente della Repubblica 08/09/1997, n. 357 e Deliberazione della Giunta Regionale 08/08/2003, n. 7/14106).

La valutazione d'incidenza si applica sia agli interventi che ricadono all'interno delle aree Natura 2000 o in siti proposti per diventarlo, sia a quelli che pur sviluppandosi all'esterno, possono comportare ripercussioni sullo stato di conservazione dei valori naturali tutelati nel sito.



Domande e comunicazioni
Documentazione necessaria alla presentazione dell'istanza.
Informazioni sull'istanza
Dove si presenta: 
Allo sportello dell'ufficio
Allo sportello telematico
Iter del procedimento: 

Entro 30 giorni dalla ricezione della domanda l'ente può respingerla o richiedere le integrazioni ritenute più opportune e necessarie per consentire la corretta valutazione dell’intervento proposto. Se sono richieste integrazioni, il termine per l’espressione del provvedimento finale decorre nuovamente dalla data di ricezione delle stesse.

Entro 60 giorni l'ente, con apposito provvedimento, esprime la valutazione di incidenza impartendo, anche a scopo cautelativo, le opportune prescrizioni relative alle modalità di realizzazione dell’intervento (articolo 5, comma 6 del Decreto del Presidente della Repubblica 08/09/1997, n. 357 e articolo 6, comma 5, Allegato C della Deliberazione della Giunta Regionale 08/08/2003, n. 7/14106).

Comune di Pizzale